Acne e alimentazione: cosa devono sapere le donne

Molte donne soffrono di acne e ignorano come una corretta alimentazione possa non solo prevenire ma anche curare problemi alla pelle. Il consiglio è di rivolgersi, oltre che ad un dermatologo, ad un biologo nutrizionista così da gestire al meglio la relazione tra acne e alimentazione.

Ecco alcuni consigli per comprendere e gestire la relazione tra acne e alimentazione

1. Possibile carenza di Inositolo nella relazione tra acne e alimentazione

Questa sostanza, chiamata anche vitamina B7, aiuta a regolarizzare le mestruazioni in modo naturale, qualora vi siano problemi di ciclo irregolare. Un ciclo irregolare può associarsi a dell’acne, il che è tipico nelle donne con ovaio policistico. In uno studio pubblicato sulla rivista scientifica “Global Dermatology”, un gruppo di donne con ovaio policistico ha assunto inositolo mentre un altro gruppo di donne con ovaio policistico ha usato un placebo. Dopo 6 mesi di trattamento, le donne che hanno usato inositolo nell’alimentazione, hanno avuto una significativa riduzione dell’acne e dei livelli sanguigni di ormoni maschili. Prima di assumere integratori, è però necessario parlare col proprio medico o biologo nutrizionista.

2. Acne e alimentazione dipendono anche dallo Zinco

Consumare 30mg di zinco al giorno, in aggiunta allo zinco che si trova nell’alimentazione può aiutare a ridurre l’acne secondo uno studio pubblicato nel Biological Trace Element Research. Lo zinco aiuta ad inibire l’attività di un enzima che genera gli ormoni che favoriscono l’acne. Una dieta su misura può essere uno stratagemma a basso costo per assicurare il giusto apporto di zinco.

3. Alcune donne con acne possono ridurre il latte nell’ alimentazione per 4 settimane

Nella relazione tra acne e alimentazione si parla molto anche di latte. E’ opportuno valutare gli effetti derivati da questa sospetta associazione. In alcune donne (ma non tutte) il latte contribuisce alla formazione di brufoli. Ecco perché:

  • Il latte promuove l’aumento dell’insulin growth factor, una molecola che induce l’aumento dei livelli di insulina. Quest’ultima stimola la produzione di androgeni.
  • Sia gli androgeni che il di-idro-testosterone del latte stimolano la produzione di sebo.

4. Abbassare l’indice glicemico dell’alimentazione

Gli alimenti ad alto indice glicemico sono generalmente privi di fibra e ricchi di zuccheri. Chiedere alla nutrizionista come abbassare l’indice glicemico della propria alimentazione è un ottimo consiglio. In generale, può aiutare il solo sostituire pane, pasta e riso bianchi con prodotti integrali.

5. Consumare alimenti anti-infiammatori nella dieta

L’acne comporta rossore, il quale è uno dei segni dell’ infiammazione. Bisogna quindi ridurre il consumo di sale e consumare settimanalmente almeno 3 degli alimenti del seguente elenco: frutti rossi, avocado, semi chia, frutta secca, ortaggi a foglia verde, quinoa, salmone, olio extravergine di oliva e the verde. Questi alimenti sono ricchi di anti-ossidanti, i quali contrastano l’infiammazione.

6. Oltre all’alimentazione, largo al relax nella propria routine anti-acne

Relax significa tante cose. Ad esempio: imparare a meditare o praticare yoga a casa, prima o dopo il lavoro; comprare prodotti di detersione della pelle di ottima qualità; cambiare la federa del cuscino ogni 3 giorni e andare a letto presto. Ecco che per curare l’acne, servo anche un’alimentazione associata ad uno stile di vita sano.

Bibliografia

  • Pezza M, et al Inositol in women suffering from acne and PCOS: a randomized study Glob Dermatol. 2017;(4):4-4.
  • Jamilian M et al. Effects of Zinc Supplementation on Endocrine Outcomes in Women with Polycystic Ovary Syndrome: a Randomized, Double-Blind, Placebo-Controlled Trial. Biol Trace Elem Res. 2016 Apr;170(2):271-8.
  • Burris J et al. Acne: The Role of Medical Nutrition Therapy. J Acad Nutr Diet 2013;113.
  • Burris J, Rietkerk W, Shikany JM,Differences in Dietary Glycemic Load and Hormones in New York City Adults with No and Moderate/Severe Acne. J Acad Nutr Diet. 2017
  • Azadi-Yazdi M, Karimi-Zarchi M, Salehi-Abargouei A. Effects of Dietary Approach to Stop Hypertension diet on androgens, antioxidant status and body composition in overweight and obese women with polycystic ovary syndrome: a randomised controlled trial. J Hum Nutr Diet. 2017;30(3):275-283.

Soffri improvvisamente di acne? E se fosse l’alimentazione?

Scrivi a dr.ssa Francesca Simonella, Biologa Nutrizionista

Mi presento, sono Francesca Simonella

Sono Francesca Simonella, Biologa Nutrizionista specializzata in strategie per promuovere e mantenere il cambiamento del comportamento alimentare in pazienti sani, malati e/o con esigenze particolari. Sono iscritta all’albo americano dei Registered Dietitian Nutritionist. Negli USA mi sono specializzata, ho seguito pazienti di ogni tipo come dietologo/dietista, fatto ricerca sul comportamento alimentare e insegnato un corso di nutrizione all’università. Sono attiva come International Affiliate of American Academy of Nutrition &Dietetics. 

Contatti

Telefono: 324 6023777
Email: info@alimentazionepersonalizzata.com
Indirizzo: Via Marco Volpe 10/D Udine
P.IVA 02911310304

Iscriviti all'e-magazine

Iscriviti per ricevere la mia rivista on-line: riceverai consigli e articoli utili sulla nutrizione.